Search:
Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia - Comitato Udine | Il fiumano Gino Lupetti riposerà al Cimitero di Udine
21589
post-template-default,single,single-post,postid-21589,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-2.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,transparent_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

Il fiumano Gino Lupetti riposerà al Cimitero di Udine

Gen 17 2023

Il fiumano Gino Lupetti riposerà al Cimitero di Udine

“Gino di Milwaukee ritorna in patria. – ha scritto Mirella Tainer, in Facebook il 16 gennaio 2023 – Tra poco andrà a far compagnia ai genitori, Nereo Lupetti e Giorgina Zocovich, nel cimitero di Udine. Per sua volontà e con le sue parole, gli annunci su due giornali importanti si leggeranno così:

In Italiano per il «Corriere della Sera»:

Gino (Lupetich) Lupetti, nato a Fiume, territorio ceduto, il 13 Giugno 1929. Costretto a lasciare la sua città natale  in seguito ai noti eventi geo-politici ai confini orientali d’Italia alla fine del secondo conflitto mondiale, trovò asilo e benevolenza negli USA, ove con l’aiuto della moglie Ruthie, ebbe la possibilità di ricostituire la sua vita. Preceduto nella morte dall’amata moglie e migliore amica Ruth Baumann Lupetti, lascia nel dolore la sorella Nerea, cugini, nipoti, cognati ed amici, in Italia, Croazia, negli Stati del Wisconsin ed Illinois, ed altri in tutto il mondo. Visse felicemente a Milwaukee nello stato del Wisconsin, USA.  Deceduto  il 4 Gennaio 2023.

Il necrologio per Gino (Lupetich) Lupetti sul “Corriere della Sera”

Here is the English version for the the «New York Times» :

Gino (Lupetich) Lupetti, born in Fiume, ceded territory, on June 13, 1929. Geo-political changes on Italy’s eastern borders forced him to leave his native land at the end of WWII. He found asylum and benevolence in the USA, and with the help of his beloved wife, Ruth Baumann Lupetti, succeeded in reorganizing his life. Preceded in death by his wife, the love of his life and his best friend, Ruthie, he is survived by his dear sister Nerea, in-laws, nieces, nieces and nephews, cousins and other relatives and friends in Wisconsin, Illinois, Italy, Croatia, and scattered throughout the world. He made his home happily in Milwaukee, Wisconsin. He passed away January 4th, 2023”.

USA – Fiumani, loro discendenti e amici. Da notare, seduti a sinistra: i cugini Mirella Tainer e Gino (Lupetich) Lupetti. Le spoglie di lui verranno tumulate nel Cimitero di San Vito a Udine. Fotografia della Collezione di Mirella Tainer, che si ringrazia per la concessione alla pubblicazione.

Nota della redazione – Dai documenti dell’Archivio dell’ANVGD di Udine si sa che: “Nereo Lupetti, nel 1959, risulta parte del Comitato Provinciale di Udine dell’ANVGD, occupandosi specificatamente del settore assistenza, mentre il signor Marco Cerlenco appare in veste di fiduciario per Latisana e Lignano Sabbiadoro del Comitato Provinciale di Udine dell’ANVGD nel 1955. Il sodalizio dei profughi si occupava, in accordo con la prefettura, di oltre 200 esuli a Udine e di altri 300 nella provincia, per la maggior parte anziani”.

Si è fermato a Udine un altro della famiglia. Era Renato Lupetich, nato a Fiume il 3 marzo 1900 e morto nel 1960, quando era direttore didattico a Palazzolo dello Stella, in provincia di Udine – come ha raccontato il figlio Giovanni Lupetich, nel 2016 – mio padre si è laureato in Pedagogia all’Università di Urbino il 16 giugno 1955, col rettore Carlo Bo. Renato Lupetich era un ‘ufficiale postale’, poi legionario di D’Annunzio, come pure mio zio Nereo Lupetti. Essi sono citati in un libro di Amleto Ballarini, intitolato: Diedero Fiume alla patria”.

“Renato Lupetich a Fiume aveva ricevuto il lasciapassare per recarsi a Sussak, sia nel 1928 che nel 1947, in quanto era esperto nelle traduzioni dei valori patrimoniali dal serbo-croato all’italiano – ha aggiunto Giovanni Lupetich – era perito contabile e lavorava alla Raffineria di Olii Minerali Società Anonima, costruita tra il 1882 e il 1883 (ROMSA), dopo l’esodo fece il maestro a Pertegada, a Latisana e a Gorgo di Latisana, in provincia di Udine. Mio nonno, che si chiamava come me, era maestro falegname a Fiume. Pure il bisnonno Francesco Lupetich era di Fiume; il mio trisnonno faceva di nome Felice ed era marinaio”.

Il maestro Renato Lupetich a Latisana (UD) con le sue scolare, 1948 (Collezione Giovanni Lupetich, Belluno).

Note – Autori principali: Gino (Lupetich) Lupetti e Mirella Tainer, di Fiume. Lettori: Mirella Tainer, esule negli USA. Aderisce il Centro studi, ricerca e documentazione sull’esodo giuliano dalmata, Udine e l’ANVGD di Arezzo. Networking e altri testi di Sebastiano Pio Zucchiatti e Elio Varutti. Copertina: Onorina Zocovich, Gino (Lupetich) Lupetti e Mirella Zocovich Tainer cugini, esuli negli USA (Collezione Mirella Tainer). Grazie a Alessandra Casgnola, Web designer e componente del Consiglio Esecutivo dell’ANVGD di Udine. 

Ricerche presso l’archivio dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, che ha la sua sede in via Aquileia, 29 – primo piano, c/o ACLI. 33100 Udine.  – orario: da lunedì a venerdì  ore 9,30-12,30.  Presidente dell’ANVGD di Udine è Bruna Zuccolin. Vicepresidente: Bruno Bonetti. Segretaria: Barbara Rossi. Sito web:  https://anvgdud.it/

0 Comments
Share Post
varutti
alessandra@artmediadesign.it
No Comments

Post a Comment