Search:
Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia - Comitato Udine | Udine, cerimonia per i defunti giuliano dalmati 2020, con l’ANVGD
20121
post-template-default,single,single-post,postid-20121,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-2.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,transparent_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Udine, cerimonia per i defunti giuliano dalmati 2020, con l’ANVGD

Nov 05 2020

Udine, cerimonia per i defunti giuliano dalmati 2020, con l’ANVGD

Martedì 3 novembre 2020 presso la Chiesa del Cimitero di San Vito in Udine si è tenuta, come di consueto, una  Santa Messa alle ore 10.30 in onore delle vittime delle foibe e dei defunti dell’esodo degli italiani d’Istria, Fiume e Dalmazia. Ha presenziato Alessandro Ciani, Assessore all’Edilizia privata, Servizi demografici e statistica, Cimiteri e onoranze funebri, Sicurezza, Polizia locale, in rappresentanza del Sindaco di Udine onorevole Pietro Fontanini. Erano presenti anche la professoressa Elisabetta Marioni, presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Comune di Udine, Renata Capria D’Aronco, presidente del Club UNESCO di Udine e Giulio Dri, commissario aggiunto della Polizia locale. È stata la dott.ssa Bruna Zuccolin, presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, a volere il tradizionale evento nel pieno rispetto delle norme anti-Covid-19, assieme a Elio Varutti, vicepresidente del sodalizio e a tutto il Comitato Esecutivo dell’ANVGD.

Rosalba Meneghini, con mamma di Rovigno e componente del Comitato Esecutivo dell’ANVGD di Udine, ha letto le preghiere con riferimento all’esodo giuliano dalmata. Tra i vari soci dell’ANVGD si sono notati Flavio Fiorentin, di Verteneglio, in Istria di famiglia paterna originaria di Veglia, in Dalmazia, Fabiola Modesto Paulon, esule da Fiume e Alberto Nadbath, con babbo di Abbazia, in rappresentanza del Villaggio giuliano di via Casarsa. In modo molto coinvolgente don Tarcisio Bordignon, classe 1930, ha officiato la cerimonia, ricordando che “per 48 anni sono stato il parroco di San Pio X, nella cui zona c’era il Centro smistamento profughi da dove passarono oltre centomila esuli in fuga dalle violenze e dalle annessioni iugoslave e io ricordo che gli istriani hanno famiglie religiose e per bene perché cresciuti con sacrifici e nella forza della fede, poi ricordo il professor Arduino Cremonesi, di Fiume, che ha accettato di aiutarmi ad organizzare un corso di lingua tedesca a Cave del Predil negli anni ‘60”.

Al termine della funzione religiosa, c’è stato il corteo verso il Monumento ai caduti giuliani e dalmati, posto all’ingresso principale dello stesso Cimitero monumentale. Il corteo era aperto da Alberto Nadbath, che recava una corona di alloro e dal labaro dell’ANVGD portato da Antonello Quattrocchi che, oltre che socio ANVGD è anche presidente della sezione di Udine della Federazione Italiana Dei Combattenti Alleati (FIDCA).

La cerimonia si è conclusa con la deposizione di una corona di alloro al Monumento ai giuliani e dalmati caduti nel nome della patria, dove hanno brevemente parlato: Ciani, Zuccolin, Modesto, D’Aronco e Quattrocchi. Don Tarcisio Bordignon ha condotto la recita della preghiera dell’infoibato, composta nel 1959 da Monsignor Antonio Santin, vescovo di Trieste e Capodistria. Ha fatto seguito una benedizione sacra. In conclusione don Tarcisio ha voluto distribuire ai presenti una Preghiera comunitaria dinnanzi al Monumento dei caduti. “Guardatela a casa e riflettete – ha detto”. Il monumento è situato all’ingresso principale, entrando a sinistra, in viale Firenze. Fu inaugurato il 10 febbraio 1990. Sotto la scultura dell’artista Nino Gortan, originario di Pinguente d’Istria, durante le ricorrenze degli esuli, vengono deposte le corone d’alloro. Su una lapide in pietra di Aurisina, l’altorilievo in bronzo di Gortan rappresenta due uomini agganciati per un braccio che cadono nel vuoto di una foiba. Secondo un’altra interpretazione le mani salutano al momento dell’esodo. Nino Gortan (1931-2001), artista esule dall’Istria, aveva radici carniche ottocentesche a Luincis di Ovaro, provincia di Udine. Dopo l’esodo l’artista visse e lasciò varie opere di grande interesse a San Daniele del Friuli (UD).

Servizio giornalistico e di Networking a cura di Tulia Hannah Tiervo, Sebastiano Pio Zucchiatti e E. Varutti. Fotografie di Elio Varutti e dall’archivio dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, che ha la sua sede in Vicolo Sillio, 5 – 33100 Udine. Telefono e fax 0432.506203 – orario: da lunedì a venerdì  ore 9,30-12,30. Presidente dell’ANVGD di Udine è Bruna Zuccolin.

AIUTACI A CONTINUARE QUESTO IMPEGNO. ISCRIVITI AL COMITATO PROVINCIALE DI UDINE DELL’ANVGD!

0 Comments
Share Post
varutti
alessandra@artmediadesign.it
No Comments

Post a Comment