Search:
Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia - Comitato Udine | Dalmati italiani due volte esuli, lezione di Bonetti, ANVGD Udine
20077
post-template-default,single,single-post,postid-20077,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-2.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,transparent_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Dalmati italiani due volte esuli, lezione di Bonetti, ANVGD Udine

Ott 25 2020

Dalmati italiani due volte esuli, lezione di Bonetti, ANVGD Udine

Bruno Bonetti ha parlato dei Dalmati italiani, due volte esuli nel 1920 e nel 1944. L’interessante incontro pubblico si è svolto il 22 ottobre 2020 all’Accademia Città di Udine, di via Anton Lazzaro Moro 58, in collaborazione col Comitato Provinciale di Udine dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD). Ha aperto la riunione Bruno Ciancarella, segretario dell’Accademia Città di Udine, presieduta da Francesca Rodighiero, che ha curato l’accoglienza dei soci.

Poi ha avuto la parola Bruna Zuccolin, presidente dell’ANVGD Comitato Provinciale di Udine. “Mi complimento con questa Accademia – ha detto la Zuccolin – per le varie attività che organizza e per la disponibilità dimostrata a tenere una conferenza sui temi dell’esodo italiano dalla Dalmazia, così poco noto”.

Prima della lezione storica del dottor Bruno Bonetti, segretario dell’ANVGD di Udine, c’è stata una lettura scenica di alcune poesie in dialetto istro-dalmata. È stata Rosalba Meneghini, figlia di un’esule da Rovigno, a leggere con intenso trasporto le liriche su Zara, sulla Dalmazia e su Trieste.

Bonetti ha poi mostrato alcune diapositive in Power Point per corredare la sua originale esposizione basata su anni di ricerche presso di archivi di stato di Venezia, Spalato e di Zara. “Alcuni italiani di Dalmazia – ha detto Bonetti – si trovano lì da secoli, come il mio avo Bartolo Buffalis, morto nel 1129 a Traù, altri dal Trecento o Quattrocento, quindi con pieno diritto di vivere in quelle terre, invece dopo la Grande Guerra hanno dovuto venir via da Curzola, Lesina, Sebenico, Spalato, Traù, perché queste ed altre zone con una minoranza italofona sono state assegnate al Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni, poi c’è stato l’esodo del 1943-’44 da Zara che subì 54 bombardamenti aerei angloamericani suggeriti dai titini, per cancellare l’italianità della città, con vestigia romane e veneziane”.

Rosalba Meneghini, figlia di un’esule da Rovigno, legge con intenso trasporto le liriche su Zara, sulla Dalmazia e su Trieste. Foto di Elio Varutti

Bonetti si è poi soffermato a illustrare alcune figure politiche e morali come Antonio Bajamonti, sindaco di Spalato a fine dell’Ottocento, sotto l’Austria-Ungheria. “A lui si deve la costruzione dell’Ospedale – ha spiegato Bonetti – del teatro, incendiato dai nazionalisti croati nel 1887 e della fontana neoclassica, demolita dai titini nel 1947, poiché rappresentava l’italianità nella Spalato iugoslava”.

Il relatore non ha nascosto, nel secolo tremendo dei nazionalismi, gli atti di violenza perpetrati dai fascisti nei confronti degli slavi; un atto di equidistanza particolarmente apprezzato dall’uditorio.

Tra il pubblico si sono notate le presenze di alcuni soci ANVGD di Udine, come Elio Varutti, vicepresidente del sodalizio, Livio Sessa, di Trieste, con avi dalmati e parenti di Dignano e Pola, Rensi, con avi di Pedena, Giorgio Gorlato, esule da Dignano d’Istria e la professoressa Marina Bellina, figlia di un’esule da Fiume. Ha presenziato all’incontro pure la professoressa Renata Capria D’Aronco, presidente del Club UNESCO di Udine e socia ANVGD.

Bruno Bonetti, segretario dell’ANVGD di Udine, relaziona su Dalmati italiani, due volte esuli 1920-1944. Fotografia di Elio Varutti

Servizio giornalistico e di Networking a cura di Tulia Hannah Tiervo, Sebastiano Pio Zucchiatti e E. Varutti. Lettore: Bruno Bonetti. Copertina: Bruna Zuccolin, presidente ANVGD di Udine, porta il saluto ai presenti, accanto a Bruno Bonetti. Fotografie di Elio Varutti e dall’archivio dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, che ha la sua sede in Vicolo Sillio, 5 – 33100 Udine. Telefono e fax 0432.506203 – orario: da lunedì a venerdì  ore 9,30-12,30. Presidente dell’ANVGD di Udine è Bruna Zuccolin.

0 Comments
Share Post
varutti
alessandra@artmediadesign.it
No Comments

Post a Comment